ippicamoreno

MONTECATINI 31/05

Andare in basso

default MONTECATINI 31/05

Messaggio Da AMARIO il Sab Mag 30, 2009 1:37 pm

1° corsa

1 LEPRE PETRAL

Piuttosto lenta in avvio, ha vinto a novembre con secondo giro allo scoperto e 600 finali in 46.5, a marzo con km conclusivo allo scoperto, in seguito 3 piazzamenti, il secondo con giro finale esterno dopo errore sulla piegata iniziale, la volta dopo al proprio record di 1.16.2 con buona progressione nel km finale esterno dopo essere rimasta nelle retrovie; all'ultima uscita ha sbagliato in partenza. In forma, ha chance di prima. I colori sono de Il Vicolo, il training e la guida di Roberto Biagini.
Controfava.
Quota: 2

2 LESTA CIELLE

Veloce in avvio, non sempre affidabile, ha colto il proprio limite di 1.17.4 a dicembre finendo il crescendo dalla coda; ha vinto 2 volte, la prima a gennaio da leader con lancio in 15.7, la seconda a marzo di rimessa dopo aver seguito tutta strada il leader Leaft Of Cloudlet, in seguito un piazzamento finendo in crescendo dopo essere rimasta in coda; poi 2 prestazioni viziate da errori nelle fasi iniziali; quindi 2 piazzamenti marginali seguendo nel gruppo in corda (nel primo arrivando senza spazio); infine ha corso male perdendo contatto dal gruppo dopo un giro. Deludente le ultime due volte, non piace. I colori sono della Lare, il training e la guida di Umberto Francisci.
Molto difficile.
Quota: 18

3 LINCE RR

Parte il giusto, maiden, ardente, di non facile impiego, non sempre affidabile, un po' alterna, impiegata con martingala e mezze balze, ha colto il proprio limite di 1.16.8 con 600 finali in 45 a marzo seguendo tutta strada il leader Lucherino, la volta dopo un piazzamento marginale seguendo i primi in corda accusando in retta nei 600 conclusivi in 45.7, poi è andata vicina al primo successo in carriera finendo in crescendo dalla scia del leader Lapo Gec che aveva seguito dal via; alla terzultima uscita ha sbagliato sulla seconda piegata (forse tamponando l'avversario che la precedeva), la volta dopo un terzo finendo bene dopo miglio conclusivo esterno; infine ha sbagliato sull'ultima curva quando era seconda dopo aver seguito tutta strada la leader Legend Baby. In ordine, può piazzarsi. I colori sono di Giovanni Randazzo, il training e la guida di Alessandro D’Ettoris.
Grossa sorpresa.
Quota: 12

4 LYUMA GV

Molto veloce in partenza, al meglio da leader, impiegata con martingala e mezze balze, ha vinto 2 volte, l'anno scorso a maggio andando davanti con lancio in 15.6 per poi allungare con 600 finali in 44.7 e arrivo in 14.8 e si è ripetuta a gennaio tirando via dopo il lancio in 15.8 per andare davanti; dopo 3 piazzamenti (il penultimo in tris in quota alle spalle dei primi, la volta dopo al proprio record di 1.15.4 trascinata nel gruppo in corda) all'ultima uscita ha ceduto al mezzo giro finale dopo essere stata superata nel lancio in 13.1. Probabile leader, se gradua può arrivare fino in fondo. I colori sono di Nicola Del Rosso, il training di Pino Di Caterino, la guida di Edoardo Baldi.
Terza incomoda.
Quota: 5

5 LUSIA OP

Parte il giusto, impiegata con martingala, decaduta, ha vinto una corsa a 2 anni da leader con lancio in 15.5 per poi difendersi con giro finale in 1.03 e quarto conclusivo in 31.1, a 3 anni ha colto il proprio record di 1.16.8 finendo vitale dopo aver seguito i primi in corda; resta su 4 "np", il primo accusando al mezzo giro finale dopo aver seguito dal via il leader Lahti Dei Greppi, la volta dopo restando in quota al seguito dei primi, alle ultime 2 uscite sbagliando in avvio. La forma migliore è troppo lontana. I colori e il training sono di Gaetano Trombetta, la guida di Giuseppe Cusimano.
Estrema outsider.
Quota: 69

6 LOUVRE GRAD

Molto veloce in partenza sia con l'autostart sia con i nastri tradizionali, al meglio da leader, impiegata con martingala, ha vinto 5 volte, la penultima a dicembre al proprio limite di 1.16.4 andando davanti nel lancio in 14.9 per poi allungare con 600 finali in 44.9 e si è ripetuta a gennaio andando davanti con i nastri tradizionali con avvio in 15.8 per poi allungare con 600 conclusivi in 45.8; dopo una serie di "np" (a metà marzo sbagliando in partenza, la volta dopo accusando dopo il primo km esterno dopo avvio sollecito dalla seconda fila, poi sbagliando in retta quando era carica ma senza spazio per scattare per la piazza d'onore e infine un nuovo errore in retta dopo essere rimasta nelle retrovie e quando appariva ancora carica) è tornata a piazzarsi l'ultima volta con km finale in 1.14.3 e 600 conclusivi in 42.5 seguendo in coda. Va più forte di quanto dica la carta, se non resta al largo ci sta. Il training e la guida sono di Roberto Gradi per i colori della figlia Cristina.
Sorpresa.
Quota: 8

7 LESTA LIS

Molto veloce in partenza, al meglio da leader, impiegata con martingala, regredita, non sempre affidabile, ha vinto 2 volte, una a 2 anni da leader con quarto iniziale in 30.4 e 600 finali in 46.8, una a 3 anni con lancio in 15.5 per andare davanti e 600 conclusivi in 45.1 e arrivo in 14.6; ha colto il proprio record di 1.16.1 a giugno ottenendo strada nel lancio in 13.9 per poi dare strada a Lex Di Jesolo nel quarto iniziale in 29.3 e accusare in retta; resta su 4 "np", alla quartultima uscita accusando in retta dopo essere stata respinta nel lancio in 14.6 e aver ripiegato in gruppo, poi 3 prestazioni viziate da errore, la prima sulla penultima piegata quando cercava di uscire dal gruppo, la seconda al via e infine sulla prima curva dopo essere stata respinta nel lancio in 14.9. A percorso netto potrebbe piazzarsi. I colori sono di Angelo Biagini, il training e la guida di Andrea Baveresi.
Difficile.
Quota: 15

8 LUCY MAY

Parte il giusto, preferisce pista grande, impiegata con maschera parasabbia, ha vinto 4 volte, resta su 3 successi consecutivi, la penultima volta al proprio record di 1.16.1 a Taranto finendo in crescendo dal gruppo nei 600 conclusivi in 45.3, all'uscita successiva al rientro in percorso esterno con km finale in 1.14.8. La pista a raggio ridotto la sacrifica un po’ ma è al top della forma e la guida Enrico Bellei. I colori sono della Eurocolor, il training e la guida di Enrico Bellei.
Favorita.
Quota: 7/10

Concludendo:

LUCY MAY (8 ) resta su 3 successi consecutivi e anche se la pista piccola la sacrifica un po’ è la chiara favorita. Alternative LEPRE PETRAL (1) in forma e la probabile leader LYUMA GV (4). Sorprese LOUVRE GRAD (6) che sta correndo meglio di quanto dica la carta e LINCE RR (3) in ordine. A percorso netto può inserirsi LESTA LIS (7) discreta nell’inseguimento dopo errore l’ultima volta. Più difficile per LESTA CIELLE (2), male all’ultima, che lascia il ruolo di estrema outsider alla decaduta LUSIA OP (5).

Prono: 8 – 1 - 4









2° corsa

1 MORRISON OM

Lento in avvio, poco affidabile, dopo una serie di prestazioni viziate da errori al via ha colto il proprio record di 1.19.5 alla penultima uscita finendo bene dopo percorso esterno, la volta dopo ha perso la partenza. Ancora troppo verde. I colori sono della Abruzzo Plastica, il training di Guido Cecchi, la guida di Gennaro Casillo.
Difficile.
Quota: 15

2 MIMI’ ZS

Molto veloce in partenza, regolare, ha colto il proprio record di 1.18.4 ad aprile seguendo i primi in corda in una corsa caratterizzata da parziali al contrario; in seguito altri 4 piazzamenti, alla penultima uscita calando al mezzo giro finale dopo aver mandato via dopo il lancio in 16.2, la volta dopo con giro finale esterno. Classica piazzata di posizione con licenza di vincere. I colori sono della Piccola Valentina, il training di Giuseppe Talè, la guida di Alessandro D’Ettoris.
Controfava.
Quota: 6

3 MURO DELL’EST

Parte il giusto, impiegato con martingala, mai piazzato in carriera, alla penultima uscita ha ceduto ai 500 finali dopo aver seguito i primi in corda, la volta dopo è rimasto nelle retrovie in corda. Al momento va poco. I colori sono della Santagonda, il training di Massimo Giorgi, la guida di Roberto Biagini.
Estremo outsider.
Quota: 69

4 MALEWE

Molto veloce in partenza, al meglio da leader, in possesso di una sola ottima frazione, ha vinto a gennaio andando davanti con lancio in 16.5 per poi allungare con 600 finali in 45.7, si è ripetuto a marzo con lancio in 16.5 e 600 conclusivi in 45.7; dopo 2 piazzamenti (il primo con giro finale allo scoperto, il secondo in percorso esterno) è tornato al successo nel preferito percorso d'avanguardia con quarto iniziale in 32 e 600 finali in 46.9; infine il proprio record di 1.17.6 trascinato in corda nel gruppo in una corsa caratterizzata da parziali al contrario. Dovrebbe andare davanti e nella compagnia ha chiara chance di arrivare fino in fondo. I colori sono della Roberto, il training e la guida di Roberto Gradi.
Favorito.
Quota: 1/2

5 MARACANA’

Alla prima uscita in prima fila, si è piazzata in 1.19.3 all'esordio trascinata in corda nelle retrovie, la volta dopo non si è piazzata restando alla retroguardia senza interferire. Alle prime uscite non ha convinto. I colori sono de La Camilla, il training e la guida di Edoardo Baldi.
Difficile.
Quota: 15

6 MEDUSA DEI

Veloce in avvio, non sempre affidabile, ha colto il proprio record di 1.17.5 a marzo con km finale in 1.16.7 finendo in crescendo in preferenziale nei 600 conclusivi in 45.8; alla terzultima uscita un posto d'onore in percorso manovrato con mezzomiglio finale in 1.00.6, poi 2 "np", il primo sbagliando di fiato sull'ultima curva quando era seconda dopo aver agito in avanti con quarto iniziale in 30.2, il secondo con un altro errore sulla piegata finale quando lottava per una piazza marginale dopo essere rimasta nelle retrovie. A percorso netto se la gioca bene. I colori sono della Bellosguardo, il training e la guida di Andrea Bavaresi.
Terza incomoda.
Quota: 8

7 MAKUA DEI GREPPI

Piuttosto lenta in partenza, ha esordito con un "np" seguendo anonimamente nelle retrovie; si è piazzata alle ultime 2 uscite, la prima per mancanza di avversari sbagliando ai 600 finali quando cercava la progressione esterna dalla coda, la seconda al rientro al proprio record di 1.19.2 ad Albenga trascinata nel gruppo in corda. La seconda fila la sacrifica. I colori sono della Delton, il training di Pino Di Caterino, la guida di Antonio Facci.
Molto difficile.
Quota: 18

8 MULAN

Piuttosto veloce in partenza, ha colto il proprio record di 1.18.3 alla penultima uscita trascinata in corda al seguito dei primi e lo ha eguagliato la volta dopo seguendo tutta strada il leader Milone Deimar in una corsa caratterizzata da parziali al contrario. In ordine, può piazzarsi. I colori sono della G.C.F., il training e la guida di Manlio Capanna.
Sorpresa.
Quota: 10

9 MAURICE DU LAC

Lento in partenza, ha esordito con un terzo in 1.18.7 finendo in crescendo dalla coda, poi 2 "np", il primo seguendo nel gruppo in corda, il secondo sbagliando dopo 300 metri. Stavolta c’è Enrico e merita rispetto. I colori sono de Le Templiers Du Lac, il training di Pino Di Caterino, la guida di Enrico Bellei.
Sorpresa.
Quota: 10

10 MESSALINA ALLMAR

Lenta in avvio (quando parte di trotto cosa che spesso non le riesce), ha esordito piazzandosi in 1.19.1 finendo bene dopo buon inseguimento dopo errore al via, la volta successiva un "np" pagando un altro errore prima dello stacco inseguendo ancora bene; poi una nuova rottura prima del lancio e un errore al giro dopo essere partita discosta. Se non divaga ha buoni mezzi. I colori sono di Massimiliano Fossi, il training e la guida di Felice Facci.
Grossa sorpresa.
Quota: 12

11 MILLIONDOLLARGIRL

Molto veloce in partenza, regredita, impiegata con bastone a sinistra e martingala, ha vinto all’esordio andando davanti nel lancio in 15.7 approfittando dell’errore di Margout che la precedeva; ha poi vinto a gennaio da leader con lancio in 15.7 e 600 finali in 46.5; ha colto il proprio record di 1.18 a marzo seguendo tutta strada Master Roc al quale aveva dato strada nel lancio; resta su 3 "np", il primo sbagliando sull'ultima curva un po' stretta tra 2 avversari, il secondo cedendo al mezzo giro finale dopo aver dato strada a Male Lux dopo il lancio in 15, infine un errore al via. Scende di categoria, da valutare sulla base della corsa di ieri. I colori sono di Romano Gasperini, il training di Vincenzo Romano, la guida di Giuseppe Lombardo junior.
Sorpresa.
Quota: 10

12 MAXWELL

Un figlio di Legendary Lover K all’esordio. Da vedere. Il training è di Enzo D’Isanto, i colori e la guida di Alfredo Duilio.
Difficile.
Quota: 15

Concludendo:

Reclamare nella quale MALEWE (4) dovrebbe andare davanti ed è un giallino attendibile. Classica piazzata di posizione con licenza di vincere la veloce e regolare MIMI’ ZS (2). Ci sta bene anche MEDUSA DEI (6) se non sbaglia. La corsa di ieri aiuterà a valutare meglio le chance di MILLIONDOLLARGIRL (11) che in ogni caso nella categoria ci sta bene. Da valutare MAURICE DU LAC (9) con in sulky stavolta Enrico Bellei. Sorpresa la cresciuta MULAN (8 ). MESSALINA ALLMAR (10) sbaglia sempre ma avrebbe buoni mezzi. Possono inserirsi l’appostato MORRISON OM (1) e la ben guidata MARACANA’ (5). Da vedere l’esordio di MAXWELL (12). Più difficile per MAKUA DEI GREPPI (7) che lascia il ruolo di estremo outsider a MURO DELL’EST (3).

Prono: 4 – 2 - 6
avatar
AMARIO

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 02.05.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

default Re: MONTECATINI 31/05

Messaggio Da AMARIO il Sab Mag 30, 2009 1:37 pm

5° corsa

1 MY LADY FI

Molto veloce in avvio, impiegata con mezze balze, ha colto il proprio record di 1.17.8 a febbraio finendo bene nei 600 conclusivi in 45.8 dopo aver seguito i primi in corda; ha vinto 2 volte, all'esordio da leader con lancio in 15.4 e 600 finali in 46.5 e si è ripetuta l'ultima volta (dopo un posto d'onore battuta in retta dopo aver tirato via con parziali al contrario dopo il lancio in 15.3) da leader con lancio in 15 e 600 finali in 45.6. Velocità iniziale, sistemazione e forma ne fanno la possibile piazzata di posizione. I colori sono della F.M.G., il training di Claudio Poggiani, la guida di Gennaro Casillo.
Grossa sorpresa.
Quota: 7

2 MIMICA DI AZZURRA

Molto veloce in avvio, poco affidabile soprattutto quando parte in prima fila, ha vinto 2 volte consecutive, a Follonica al proprio record di 1.17 in percorso manovrato con 600 finali in 45, a Montecatini in percorso allo scoperto con 600 finali in 46.6 prima di sbottare di galoppo una volta passato il palo; in seguito altre 4 prestazioni viziate da errore, a Bologna sulla seconda curva e ai 200 finali quando era seconda, a Montecatini quando era terza in debito d'ossigeno dopo aver seguito i primi con buon lancio dalla seconda fila, alla terzultima uscita sulla prima curva dopo aver ripiegato in scia al leader Majestic Stift, la volta dopo in partenza, infine un "np" in percorso esterno. Troppo fallosa per essere presa in considerazione anche se i mezzi ci sarebbero. I colori sono della Valdarno Inferiore, il training del Team Moni, la guida di Andrea Baveresi.
Estremo outsider.
Quota: 69

3 MAX DEGLI ULIVI

Molto veloce in partenza, impiegato con mezze balze, ha vinto la sua prima corsa a febbraio da leader con lancio in 15.8 e giro finale in 1.02.2 (45.8 i 600 precedenti l'arrivo comodo), ha colto il proprio limite di 1.16.9 con giro finale in 1.01.1 alla quartultima uscita terminando senza spazio dopo aver seguito tutta strada il leader Mesh Pb al quale aveva ripiegato in scia nel lancio, la volta dopo ha vinto (2 su 2 in coppia con Stefano Baldi) dominando nel giro finale Madame Capar dopo averla seguita nel primo, poi un posto d'onore seguendo tutta strada la leader Maura Grif perdendone contatto nel finale veloce (58.9 per la testa) e infine un piazzamento marginale accusando in retta il cambio di ritmo della testa dopo aver agito nel gruppo in corda. Se va in testa o secondo in corda può piazzarsi. I colori sono di Riccardo Battolla, il training e la guida di Edoardo Baldi.
Difficile.
Quota: 12

4 MALOUIN ALLEZ

Veloce in avvio con l'autostart, alla prima uscita con i nastri alla tedesca, impiegato con martingala, ha vinto 3 volte, a ottobre isolandosi nei 600 finali in 45.1 dopo avvio veloce dalla seconda fila e primo km allo scoperto, a novembre da leader con lancio in 14.7 e 600 finali in 45.5, a dicembre con notevolissimo inseguimento dopo aver perso la partenza per l'errore del concorrente che lo precedeva al via con km conclusivo esterno giro finale in 1.01.3 e robusta progressione nei 600 conclusivi; ha colto il proprio limite di 1.16.7 alla terzultima uscita sul doppio km (dopo un posto d'onore al rientro con km finale esterno in 1.16.3 e 600 conclusivi in 45.6) seguendo tutta strada il leader Madras con km finale in 1.13.8 e 600 conclusivi in 43.9, poi 2 "np", il primo sbagliando sulla piegata finale quando stava passando dopo aver seguito i primi, il secondo accusando sull'ultima curva il percorso allo scoperto. Da vedere come ha corso ieri, comunque ha grosse chances. I colori sono della Gaston Martin, la guida di Gabriele Baldi per il training del figlio Patrizio.
Controfava.
Quota: 2

5 MALE LUX

Parte il giusto, regolare, si adatta ad ogni schema, ha vinto 3 volte, a dicembre con efficace progressione dalla coda a centro pista nei 600 finali in 46.2, a febbraio andando davanti con avvio in 16 con i nastri tradizionali per poi allungare con km finale in 1.16.1 e 600 conclusivi in 44.3, infine alla quartultima uscita con buona progressione nei 600 finali dopo percorso esterno; poi 3 piazzamenti, la penultima volta accusando in retta il percorso allo scoperto, all'uscita successiva al proprio record di 1.16 stampata sul palo al termine di un secondo giro in 1.00.4 dopo aver ottenuto strada dopo il lancio in 15. Al top della forma, si presta ad ogni schema, può farcela. I colori sono della Connie, il training del Team Fioretti, la guida di Giuseppe Lombardo.
Favorita.
Quota: 1 e 1/2

6 MARCENA

Veloce in partenza, di ottima genealogia, regolare, in crescita, ha colto il proprio record di 1.16.4 a Torino alla terzultima uscita con 600 finali in 44.3 dopo aver mandato via Moto Riz nel lancio in 13.5; la volta dopo un altro posto d'onore finendo bene dalla coda nei 600 conclusivi in 44.8, infine un successo ottenendo strada dopo mezzo giro per poi allungare con quarto finale in 29.4. Cresciuta, se non resta scoperta se la gioca bene. I colori sono della Gefin & Ele, il training di Claus Hollmann, la guida di Enrico Bellei.
Terza incomoda.
Quota: 4

7 MAGICAL MAIK

Veloce in avvio, regolare, impiegato con paraombra, ha vinto 2 volte, a gennaio da leader con quarto iniziale in 30.8 e quello finale in 30.6 e si è ripetuto la volta dopo ritrovandosi leader al mezzo giro finale della leader Marianna Du Lac alla quale aveva ripiegato in scia nel lancio in 14.9 per poi fare passerella con giro conclusivo in 1.02; resta su una serie di piazzamenti, il penultimo in quota dopo aver mandato via nel quarto iniziale con la racchetta in 28.4 Milone Deimar, la volta dopo al proprio record di 1.15.6 trascinato in corda al seguito dei primi. Farà leva sulla duttilità per inserirsi m non sarà facile. I colori sono di Romano Gasperini, il training di Vincenzo Romano, la guida di Alessandro D’Ettoris.
Molto difficile.
Quota: 15

8 MINERVA GAS

Molto veloce in avvio, ha vinto 3 volte, a dicembre da leader con giro finale in 1.01.5, alla quartultima uscita al proprio limite di 1.15.4 ripiegando in scia al leader Mariscal nel quarto iniziale in 27.5 per poi fornire efficace progressione nei 600 finali allo scoperto e si è ripetuta la volta dopo con km conclusivo allo scoperto energicamente sostenuta a colpi di reni da Manuele Matteini; poi un errore prima del via e infine un altro errore dopo essere andata davanti ne lancio in 15.5. A percorso netto se la giocherebbe bene. I colori sono di Giancarlo Garbin, il training e la guida di Manuele Matteini.
Sorpresa.
Quota: 6

Concludendo:

La regolare MALE LUX (5) sa adattarsi ad ogni schema, è in forma e merita il ruolo di favorita. All’opposizione MALOUIN ALLEZ (4) che ha corso il giorno prima e sarà da valutare alla luce di quella prestazione e MARCENA (6) in forma e con in sulky Enrico Bellei. A percorso netto avrebbe chance di prima anche MINERVA GAS (8 ). Possibile piazzata di quota di posizione la veloce e regolare MY LADY FI (1). Se va davanti o secondo in corda può inserirsi anche MAX DEGLI ULIVI (3), più difficile per MAGICAL MAIK (7) che lascia il ruolo di estrema outsider alla fallosa MIMICA DI AZZURRA (2).

Prono: 5 – 4 - 6
avatar
AMARIO

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 02.05.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum